Il Ponte

Associazione Culturale - Pollenzo


Mostra fotografica Suta i purtiet

Sei nella sezione: index > Comunicati

Vai al sotto menu

Inviata ai giornali locali - Settembre 2007



Pollenzo racconta la sua storia con una mostra fotografica…


Cent'anni di vita pollentina raccontata attraverso le immagini in bianco e nero ritrovate nei cassetti.
Una mostra fotografica con pannelli bifacciali dalle grandi dimensioni, esposti "Suta i purtiet" nello scenario suggestivo della piazza di Pollenzo.
La stessa piazza che è stata testimone di molti eventi importanti: " spose, processioni, cresime, funerali, partite di calcio; qui sotto si giocava a biglie quando pioveva, a stermese e dopo le nevicate, a malucò. Sono le parole di Piero Ferrero, apprezzato fotografo pollentino e ideatore della mostra, che hanno aperto ed inaugurato l'evento - venerdì 21 settembre nel tardo pomeriggio - di fronte ad un nutrito gruppo di pubblico.
Il taglio del nastro simbolicamente, è toccato a due pollentini doc, Giacomo Brero e Piero Capello; alle loro spalle la foto che li ritrae nel '45 alle soglie della liberazione: giovani partigiani in sidecar, mitra alla mano, lo sguardo fiero che scruta l'orizzonte.
La mostra è dedicata alla memoria di Silvana Capello, figlia orgogliosa di quel partigiano di allora. Promossa dall'associazione "il ponte", la rassegna è inserita in un progetto più ampio che si sta realizzando in questi mesi. Obiettivo di questo percorso è il coinvolgimento delle persone con memoria storica per la raccolta di testimonianze e interviste, tradizioni, ricordi, foto, canzoni, quanto può contribuire ad una documentazione sul nostro paese, sul suo passato storico, culturale e sociale.

La rassegna fotografica "Suta i purtiet" aperta fino al lunedì 24, sarà riproposta il prossimo sabato e domenica; la richiesta è giunta da molti che vogliono proporla ad amici e conoscenti, dopo le emozioni provate grazie a questo percorso nella memoria. Possibile grazie al contributo economico della Provincia di Cuneo, della Regione Piemonte, della Cassa di Risparmio di Bra, ha avuto anche importanti sponsor privati: la Cattolica di Verrua, Camiceria Vibrazioni, Bra Servizi, il fai da te di Roreto, la banca del Vino, Coop 3, Studio tecnico di Guido Magliano ed inoltre il supporto di Bruno Sacchetto, Davide Fadini, Paola Barchi e dei molti volontari dell'associazione il Ponte.
Piero Ferrero in apertura ha spiegato i motivi di questa iniziativa ed ha confessato di avere un sogno:
"Niente come la fotografia riesce a fermare il tempo, quel tempo che corre troppo in fretta, e a dare un volto alle persone che altrimenti vivrebbero solo nella memoria. Tutte queste persone hanno abitato il nostro paese ed hanno fatto la sua storia. I volti di allora ritratti da fotografi occasionali o da quelli che venivano nella scuola elementare o all'asilo, alle feste di leva o agli eventi sportivi. Certe immagini, come quelle di Nota e Tony, ci fanno ritornare con la mente alla quotidianità di una volta. Sono sicuro che anche voi, rivendendo queste foto, ritornerete bambini a gustare quei momenti magici, quando c'era Suor Cesira, don Mazza, Domenico che veniva con il suo banco di beneficenza, "Giuanin cit" che tra una bevuta e l'altra, suonava il sax, Maso che pescava le carpe balena o quando c'erano i partigiani. Mai come in questi anni, abbiamo sentito il bisogno di attaccarci alle cose perdute, ai valori perduti, quando Pollenzo aveva un'anima, si lavorava molto, ma poi ci si divertiva, ci prendevamo in giro, ma eravamo sempre insieme. Vorrei che questa mostra, con la dovuta modestia, servisse a qualcosa! Anche a stare più insieme, a parlarci un po' di più."

Ed è stato un via vai, continuo con centinaia di persone che in questi giorni si sono fermate a curiosare, guardare, contemplare; Pollentini di oggi, pollentini di ieri che ora vivono in altri paesi, richiamati da un passa parola spontaneo quanto repentino, italiani di altre regioni, stranieri meravigliati e sorpresi da questo emozionante viaggio nel nostro passato; ed è stata occasione di incontro, condivisione di ricordi e nostalgie, risate, amici di infanzia ritrovati, malinconia per una giovinezza che non torna;
ma al tempo stesso la scoperta di una verità importante: ogni persona, anche la più semplice ed insignificante, lascia dietro di sé, impronte ed orme indelebili su questo terreno fragile e meraviglioso che è la vita.
Questi giorni hanno dimostrato che il sogno di Piero si può avverare.
Associazione il ponte Pollenzo


Menu di sezione:



Sito accessibile a persone diversamente abili | cristoforo@fissore.net

Torna ai contenuti | Torna al menu