Il Ponte

Associazione Culturale - Pollenzo


Terre... presentazione

Sei nella sezione: index > Iniziative

Vai al sotto menu

Una mostra d'arte con l'associazione IL PONTE sotto il porticato dell'agenzia di POLLENZO

Terre e morbide emozioni

È il titolo della mostra promossa dall'associazione "Il Ponte", che tre artisti per passione e impegno propongono sotto il porticato dell'Agenzia di Pollenzo.
TERRE: l'evoluzione è il terreno sul quale Dino Sacchetto sviluppa i temi dei suoi lavori che, partendo dal proprio intimo, viaggiano attraverso il Roero, la sua terra, e si allargano a tutto il cosmo. L'universo è rivisitato usando gli stessi elementi di cui è composto. Nel suo studio seleziona, ripulisce, frantuma, macina e cataloga i materiali. Sono ormai trent'anni che Dino osserva e raccoglie una manciata di terra qua e là in giro per il mondo: quella comune, che è lì in superficie, sotto i nostri piedi, ma che spesso non vediamo. Collaborano alla sua raccolta molti amici che ne condividono la sensibilità, la visione e la ricerca. L'originale tecnica artistica che Dino ha sviluppato è stata lo strumento che ha usato per trasmettere il suo messaggio: tutti i soggetti che costituiscono l'universo sono collegati tra loro, in equilibrio e interdipendenti. Nessuno può sopraffare l'altro senza provocare squilibri al "creato".
MORBIDE sono le sensazioni che si provano accarezzando i manti e le piume degli animali che Giancarlo Ferrero propone nei suoi disegni. Una carezza, su quei manti soffici di gatti, cani, scoiattoli, faine, volpi, linci, lupi e su quelle piume colorate di fagiani, cinciarelle e tortore. È quel contatto istintivo e piacevole che tanti di noi hanno o vorrebbero avere quando incontrano o vedono un animale.
EMOZIONI sono i sentimenti che la poetessa Silvana Robertazzi esprime con le sue poesie nel descrivere le manifestazioni della natura.
La materia, il colore e le parole vogliono così fondersi in questa mostra. L'intento è di proporre all'osservatore un amalgama di sensazioni, di visioni, di riflessioni sulla natura e sulla riscoperta del nostro rapporto più profondo ed equilibrato con essa.
(Guarda la locandina della mostra)


Io sono la terra
i miei occhi sono il cielo
i miei arti sono alberi
io sono la roccia,
la profondità dell'acqua
io non sono qui
per sopraffare
o sfruttare la natura
io stesso sono la natura

Poesia Hopi

Immagine cerimonia Opi

In Arizona presso il fiume Colorado il popolo Hopi viveva (e vive) in armonia con la natura e i ritmi delle stagioni. Quando arrivavano sul loro territorio persone sconosciute i capi indiani dopo un lungo colloquio decidevano se accettare oppure no la loro presenza. Se verificavano che i nuovi arrivati condividevano i loro valori chiamavano lo sciamano per la cerimonia di benvenuto. Alla sera lo sciamano durante la cerimonia gettava in alto dei semi di acero e contemporaneamente pronunciava queste parole: "il vento vi ha portati qui, noi vi abbracciamo, voi potete piantare le vostre radici sulle nostre terre".
(foto Tino Gerbaldo)



Sito accessibile a persone diversamente abili | cristoforo@fissore.net

Torna ai contenuti | Torna al menu